E’ vero che i cinesi mangiano i cani?

Questo articolo non vuole esprimere giudizi o critiche, ma vuole solo informare su quello che è un argomento molto dibattuto e su cui a volte leggo notizie false. Siete liberi di commentare e dibattere ma non si accetteranno in alcun modo commenti razzisti ed offensivi.

“Ma i cinesi mangiano la carne di cane?”

Quante volte mi avranno fatto questa domanda?! Se vivete in Cina sarà successo anche a voi. Moltissime persone pensano che i cinesi banchettino con carne di cane e facciano colazione con le cavallette. Allora senza prendere posizioni, vorrei dirvi come stanno effettivamente le cose. Certo qualcosa di vero c’è, ma gli stereotipi sono duri a morire.

Mangiare la carne di cane è un’abitudine sempre meno diffusa in Cina. Innanzitutto non è così facile trovare ristoranti o negozi che la servono e non sono molti i cinesi che la mangiano, soprattutto tra le nuove generazioni, che spesso possiedono un animale domestico. Personalmente pur avendo girato parecchio la Cina, raramente mi è capitato di vedere carne di cane in vendita e a dire la verità, spesso sono proprio le zone turistiche (vedi 王府井 Wangfujing, zona turistica nel centro di Pechino) quelle dove la si trova più facilmente. Allora qual è la verità?

Stando a uno studio del 2015 di Animal Asia, meno di un quarto degli abitanti delle grandi città cinesi come Pechino o Shanghai avevano mangiato carne di cane nei due anni precedenti. Inoltre proprio l’anno scorso, Taiwan è stato il primo paese dell’Asia a vietare il consumo di carne di cane e di gatto, con sanzioni che arrivano a superare i 7000 euro per chi non rispetta la legge. Insomma un importante segnale di cambiamento per la Cina e l’Asia.

Le origini di questa usanza

In tempi molto antichi, parliamo di più di mille anni fa, nel territorio che adesso chiamiamo Cina i cani avevano diverse funzioni: facevano da guardia agli allevamenti o alle abitazioni oppure venivano utilizzati anche per riti propiziatori perché questa carne era ritenuta pregiata e a volte appunto consumata come pasto. Con il passare del tempo e l’avvento della religione buddista, le persone hanno iniziato a credere che uccidere degli animali così leali verso l’uomo potesse avere ripercussioni negative sul karma, di conseguenza questa pratica è andata via via diminuendo, rimanendo radicata solamente in alcune località e piccole comunità della Cina.

Va poi considerato che in Cina, durante la rivoluzione culturale, Mao Zedong aveva vietato al popolo di tenere in casa animali domestici, considerati “un passatempo borghese“. Così quando tra il 1959 e il 1961, proprio nella Cina di Mao, dilagò una terribile carestia in cui morirono milioni di persone per mancanza di cibo, è chiaro che mangiare carne di cane o qualsiasi altra cosa si trovasse in circolazione divenne una questione di sopravvivenza (situazione analoga in Europa durante la seconda guerra mondiale). Come già detto, prima di questa tragedia, sicuramente era già presente una tradizione secolare in tutta l’Asia, che riteneva questo tipo di carne una ghiottoneria, una prelibatezza, ma per quanto riguarda la Cina si trattava soprattutto di alcune zone del Sud.

Non è un caso se oggi, in Cina, uno dei luoghi più famosi per il consumo di carne di cane è proprio una città del Guangxi (regione al confine con il Vietnam), Yulin, tristemente famosa per il suo festival che dura dieci giorni e dove il piatto principale è il cane con i lychee. Nonostante le numerose proteste degli animalisti e di personaggi del mondo dello spettacolo cinesi e non, ogni anno vengono uccisi moltissimi animali.Yulin Map

Personalmente non ho mai assaggiato la carne di cane e sono contraria a ogni forma di crudeltà sugli animali, ma giudicare a prescindere un popolo per una propria usanza, senza informarsi e a maggior ragione se comunque si consumano altri tipi di carne, secondo me denota una certa ipocrisia. Certo quando si vedono certe immagini, forti e cruente, è davvero difficile rimanere impassibili, ma non è perché noi siamo abituati a vedere carne di altri animali nei nostri supermercati o nelle macellerie, che di conseguenza siamo più civili. Il maiale o l’agnello che finiscono sulle tavole italiane ha sofferto lo stesso. E’ stato ugualmente trasportato in gabbie e ammazzato. In Italia si mangia carne di cavallo, che viene considerata una prelibatezza ma in Asia è inconcepibile, stesso discorso per il coniglio. In India la mucca è un animale sacro e nessuno si sognerebbe mai di mangiarla.

In conclusione avvicinandoci ad altre culture, cerchiamo di guardare tutto in una prospettiva diversa, più ampia e tollerante provando ad accettare mondi e usanze differenti dalle nostre.

Spero che l’articolo abbia soddisfatto alcune delle vostre curiosità sull’argomento e sia servito ad abbattere qualche stereotipo sulla Cina. Fateci sapere cosa ne pensate commentando sotto!

 

 

 

 

 

 

2 risposte a "E’ vero che i cinesi mangiano i cani?"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: